Skip to content

Carie Dentali

Di: Studio Grassi

Le carie dentali sono tra le principali patologie degenerative che riguardano la cavità orale. Il termine carie, deriva dal latino “caries” ovvero “corrosione o putrefazione”.

Si tratta di un vero e proprio processo degenerativo che, se non trattato in tempo e adeguatamente, danneggia lo smalto e la dentina (quindi i tessuti duri) del dente.

Quali sono le principali cause delle carie dentali?

Le carie dentali si formano a seguito di diverse cause: la principale è dovuta alla formazione di batteri che si rifugiano nella placca e nel tartaro, danneggiando così i denti (quelli maggiormente colpiti sono i molari, premolari e gli incisivi superiore a causa della loro posizione).

Le principali cause per la formazione della carie possono comprendere:

quantità e tipo di saliva: come è noto, la saliva controlla l’acidità della bocca, oltre a proteggere, grazie a una funzione antimicrobica e immunitaria, la salute dei denti.

Se la produzione e la qualità di saliva non sono sufficientemente adeguate, si può andare incontro alla formazione di carie;

caratteristiche dei denti: anche la struttura dei denti può incidere sulla formazione di questo tipo di patologia;

placca dentale: la maggiore causa delle carie è proprio questa. Una patina che si forma sulla superficie dei denti, in cui si sviluppano batteri che riescono a proliferare e a causare notevoli danni;

alimentazione: quando si consumano alimenti ad alto contenuto di zucchero, l’equilibrio batterico della bocca viene modificato, creando le carieM

tabacco: il fumo causa il proliferare dei batteri che causano le carie o altre infezioni.

Come Curare le Carie Dentali

Prima di curare una carie dentale, è importante sottoporsi ad un’attenta visita per determinare il tipo di carie e intervenire nel modo corretto.

Per una carie in stadio iniziale o intermedio, la procedura è quella di pulire accuratamente la zona infetta e, con un’otturazione, riempire la cavità rimasta vacante con gli appositi materiali, per poi passare alla sigillazione con apposite resine.

Per una carie in stato avanzato, cioè quando la carie ha compromesso in modo irreversibile un dente, l’unica soluzione possibile è quella di asportare la polpa del dente colpito e procedere con la devitalizzazione. Quando questa procedura non è sufficiente, si passa direttamente all’estrazione del dente con la relativa sostituzione.

Continua a leggere:

Malocclusione dentale: il ciuccio potrebbe essere la causa

La malocclusione dentale si verifica quando i denti delle arcate superiori e inferiori non combaciano come dovrebbero. Le cause possono essere molteplici e sembra
Continua a leggere...

Laser dentale: i 10 vantaggi nella cura della parodontite

La parodontite (che in stato avanzato diventa piorrea) è una patologia tipica dell’apparato di sostegno dei denti (gengiva, osso alveolare, cemento radicolare, legamento parodontale
Continua a leggere...

Manutenzione impianto dentale: ecco semplici indicazioni da seguire

Alcuni pazienti sono convinti che sia inutile prendersi cura degli impianti dentali, visto che non si tratta di denti veri. Ma questo è un
Continua a leggere...

Seguici su

    X
    Siamo contenti di averti su Grassi Odontoiatria Estetica
    Benvenuto!
    wpChatIcon